Ritratto di Santo Stefano

Alessandro Giusberti

2012, Basilica delle sette chiese, Bologna

Nel 2012 mi venne commissionato dai Monaci Benedettini un ritratto di Santo Stefano per l’omonima basilica di Bologna, andando a sostituire una riproduzione degli anni ’60 di una figurina raffigurante il Santo di 20 cm. senza valore che stazionava nella chiesa da mezzo secolo indisturbata.

Visualizza il depliant

Santo Stefano, interpretazione, 2013, olio su tela, cm. 140x120 - Alessandro Giusberti

Accolsi la richiesta come una sfida dal momento che, dopo attente ricerche, mi accorsi che non esistevano molte immagini che rappresentavano il Protomartire. Il problema più grosso fu quello morale: certamente usufruire di modelli contemporanei, come avrebbe fatto Caravaggio, mi avrebbe portato a produrre un falso anacronistico e quindi non mi restava che inventarlo, interpretarlo attraverso il mio sentire. Partii allora dal dato di fatto che la pittura medievale non era consona al mio stile e così la costruzione della mia idea del Santo nacque da alcuni fondamenti. Si fece largo nella mia testa l’idea che non poteva essere un’immagine, seppur inventata, nata esclusivamente da una pittura: doveva invece rappresentare una statua argentata, come un reliquario barocco, lontano dalle poche iconografie del Santo. Doveva anche rappresentare un uomo sofferente per la lapidazione ricevuta, sanguinante, ma ancora amoroso come un Padre, immerso sia nella cultura greco-romana, sia in quella giudaica, in quanto molto probabilmente era un ebreo educato secondo la cultura greca, ma da loro giustiziato per blasfemia (Sinedrio, supremo consiglio dei giudei).

Il risultato fu un’opera pittoriche che molti percepirono come un’immagine scaturita da un ologramma. Questo effetto era esistente fino a quando il quadro rimase appeso nella navata centrale della Basilica. Una decisione presa arbitrariamente dalla Sovraintendenza ai Beni culturali (con la ridicola giustificazione che offuscava le altre opere della chiesa, come quella di Giovanni Agostino da Lodi di Tintoretto e di Benedetto Carbarelli) costrinse i Monaci a riporlo nel Museo della Basilica. Rimasi per molto tempo costernato nel vedere la mia opera tolta ai fedeli che già da tempo pregavano ed accendevano candele al cospetto del mio quadro. Mi rallegrai comunque che l’opera fosse in un museo che ospita reliquari, dipinti e affreschi di scuola bolognese, veneta e toscana (tra il XIII° e il XVIII° secolo, Simone dei Crocifissi, Michele di Matteo e Alessandro Tiarini).

Purtroppo, il quadro fu nuovamente spostato dal Museo all’entrata in mezzo a prodotti alimentari e magliette prodotte dai Benedettini per i turisti. A tutt’oggi soffro per queste decisioni prese principalmente da un’istituzione che nulla ha a che vedere con la religione e soprattutto con la fede dei credenti che si inginocchiavano di fronte alla mia opera.

Spero ancora che Il mio quadro torni al suo originale posto nella navata centrale e possa nuovamente oggetto di culto. La mia opera Ritratto di Santo Stefano fu benedetta durante la messa, presenziata da Don Bento Albertin, priore dei Monaci Benedettini della Basilica di Santo Stefano, il giorno 26 dicembre 2013 di fronte a molte decine di fedeli.

Scopri le opere a catalogo

ANACRONISMI

Anacronismo è un termine che può essere definito da un fatto o da un oggetto al di fuori del tempo, inserito dunque in un contesto temporale che non gli appartiene – Scopri le opere

DINAMISMO

Alla fine degli anni ’70, dopo mezzo secolo di distanza dalle ricerche dei Futuristi, Alessandro Giusberti riprende la tematica del Dinamismo, diventando all’avanguardia in ambito contemporaneo – Scopri le opere

ESPRESSIONISMO CONTEMPORANEO

In pittura l’Espressionismo è una alterazione del reale provocata nell’accentuare le espressioni dell’uomo e del suo intero habitat – Scopri le opere

REALISMO URBANO

La pittura è nata come rappresentazione del reale: un punto di vista individuale, realizzato manualmente, ma che ha origine nella mente, nel mondo delle idee e che utilizza tutti i sensi recettivi dell’uomo – Scopri le opere

METAMORFOSI URBANE

La metamorfosi nasce da speculazioni visive date da immagini rilevate in velocità. È stata una delle ultime, appassionanti ricerche da me svolte alla fine degli anni ’80 – Scopri le opere

PLURIDIMENSIONI

La deformazione delle immagini nel movimento, nelle sovraimpressioni, negli assemblaggi delle unioni di varie dimensioni mi ha sempre affascinato fin dall’adolescenza – Scopri le opere

TRASFIGURAZIONI

Una ricerca sulla realtà attraverso la deformazione dell’immagine che, passando attraverso un materiale deformante come ad esempio un vetro soffiato supera un limite (trascende) da un luogo ad un altro, si trasforma da una condizione ad un’altra, passando attraverso le transparenze – Scopri le opere

SANTO STEFANO

Nel 2012 mi venne commissionato dai Monaci Benedettini un ritratto di Santo Stefano per l’omonima basilica di Bologna, andando a sostituire una riproduzione degli anni ’60 di una figurina raffigurante il Santo di 20 cm. senza valore che stazionava nella chiesa da mezzo secolo indisturbataScopri le opere

FIGURE

La pittura si avvale anche di simbolismi, ma bisogna ricordare che tutto e tutti vengono rappresentati come figure filtrate dalla cultura spirituale, concettuale e visiva di ognuno di noi – Scopri le opere

NATURE MORTE

Forse oggi, in questa stupida era, dove si vive al momento e non si contempla nulla della natura, ma al contrario la si distrugge, dipingere la natura, anche se morta, può forse sembrare anacronistico e fuori moda – Scopri le opere

NUDI

Il nudo femminile ha sempre interessato gli artisti nel corso della storia. In Occidente la scoperta della “Venere marina” di Pompei influenzò tutto il XVI° secolo – Scopri le opere

DISEGNI

Il disegno sorregge la scena pittorica, è lo scheletro della pittura. Il disegno è espressione, dinamismo, è il segno che diventa soggetto, è il bello scaturito dall’immaginazione e dal Creato – Scopri le opere

RITRATTI

Nell’espressione del viso di una persona in effetti si può trovare una vita intera, la sofferenza e la gioia, quello che si è perduto e quello che si vuole ancora conquistare – Scopri le opere

SCULTURE

Sia nella scultura che nella pittura si plasma una materia. Si possono usare infinite tecniche, utensili e svariati macchinari, ma personalmente prediligo l’ausilio espressivo delle mani – Scopri le opere

Social Media