Pluridimensioni Pittura Contemporanea

Alessandro Giusberti

Come tutte le ricerche elaborate nel corso della mia vita, anche questa è collegata ad altre, in particolare all’Anacronismo. In questa ricerca si tratta di evidenziare sdoppiamenti e altre dimensioni che ci ruotano intorno e che esistono nello spazio-tempo.

La deformazione delle immagini nel movimento, nelle sovraimpressioni, negli assemblaggi delle unioni di varie dimensioni mi ha sempre affascinato fin dall’adolescenza. È alquanto difficile realizzarle in pittura, perché il dissolversi delle linee geometriche e il loro sovrapporsi costituiscono non pochi problemi per uno strumento come il pennello e la tecnica ad olio, ma grazie alle velature spero di aver ottenuto un buon risultato.

Leggi di più

“Anacronismo e Pluridimensionale” viene proposta da Giusberti nel 1982, in una mostra a Mannhaim in Germania nella galleria Marweg, mostra personale precedente alla presentazione di Maurizio Calvesi alla Biennale di Venezia del 1984. Nel ´93 viene ripresentata nella grande mostra antologica di Palazzo Re Enzo a Bologna e reinterpretata negli ultimi anni.

Le volute tanto amate da Leonardo sono da sempre veicoli sinuosi della magia, le sovrapposizioni creano intersecazioni dalle quali possono scaturire forme plasmogeniche, l’origine e il formarsi di corpi organici, come in un liquido seminale. Cerco ciò che è nascosto dentro l’immagine, quello che sta oltre la realtà rappresentabile.

Queste opere vogliono mostrare la realtà virtuale nascosta dietro l’inganno visivo di uno specchio riflettente o dietro il velo illusorio di Maja, nella ricerca alchemica di mondi paralleli, cercando di tradurre il movimento incessante di ogni cosa. Nell’unire due o più dimensioni, dipingendole sovrapposte, analizzando immagini scandite dal tempo che ci passano attraverso nello stesso instante, facendole incontrare, toccare, intrecciare tra loro, immetto giochi di luci, trasparenze, forme e colori che sono il vero mistero della nostra realtà.

Nelle esposizioni personali più recenti, a San Paolo nel 2005, 2006 e 2010, a Bologna alla Galleria Forni nel 2007 e nel 2010 alla Biennale di Venezia, Torino esposizioni, nel 2011, Giusberti approfondisce sempre più le intersecazioni e gli avvolgimenti delle forme (come nel dipinto La bambina e il barocco del 2010).

 

Scopri le opere a catalogo

ANACRONISMI

Anacronismo è un termine che può essere definito da un fatto o da un oggetto al di fuori del tempo, inserito dunque in un contesto temporale che non gli appartiene – Scopri le opere

DINAMISMO

Alla fine degli anni ’70, dopo mezzo secolo di distanza dalle ricerche dei Futuristi, Alessandro Giusberti riprende la tematica del Dinamismo, diventando all’avanguardia in ambito contemporaneo – Scopri le opere

ESPRESSIONISMO CONTEMPORANEO

In pittura l’Espressionismo è una alterazione del reale provocata nell’accentuare le espressioni dell’uomo e del suo intero habitat – Scopri le opere

REALISMO URBANO

La pittura è nata come rappresentazione del reale: un punto di vista individuale, realizzato manualmente, ma che ha origine nella mente, nel mondo delle idee e che utilizza tutti i sensi recettivi dell’uomo – Scopri le opere

METAMORFOSI URBANE

La metamorfosi nasce da speculazioni visive date da immagini rilevate in velocità. È stata una delle ultime, appassionanti ricerche da me svolte alla fine degli anni ’80 – Scopri le opere

PLURIDIMENSIONI

La deformazione delle immagini nel movimento, nelle sovraimpressioni, negli assemblaggi delle unioni di varie dimensioni mi ha sempre affascinato fin dall’adolescenza – Scopri le opere

TRASFIGURAZIONI

Una ricerca sulla realtà attraverso la deformazione dell’immagine che, passando attraverso un materiale deformante come ad esempio un vetro soffiato supera un limite (trascende) da un luogo ad un altro, si trasforma da una condizione ad un’altra, passando attraverso le transparenze – Scopri le opere

SANTO STEFANO

Nel 2012 mi venne commissionato dai Monaci Benedettini un ritratto di Santo Stefano per l’omonima basilica di Bologna, andando a sostituire una riproduzione degli anni ’60 di una figurina raffigurante il Santo di 20 cm. senza valore che stazionava nella chiesa da mezzo secolo indisturbataScopri le opere

FIGURE

La pittura si avvale anche di simbolismi, ma bisogna ricordare che tutto e tutti vengono rappresentati come figure filtrate dalla cultura spirituale, concettuale e visiva di ognuno di noi – Scopri le opere

NATURE MORTE

Forse oggi, in questa stupida era, dove si vive al momento e non si contempla nulla della natura, ma al contrario la si distrugge, dipingere la natura, anche se morta, può forse sembrare anacronistico e fuori moda – Scopri le opere

NUDI

Il nudo femminile ha sempre interessato gli artisti nel corso della storia. In Occidente la scoperta della “Venere marina” di Pompei influenzò tutto il XVI° secolo – Scopri le opere

DISEGNI

Il disegno sorregge la scena pittorica, è lo scheletro della pittura. Il disegno è espressione, dinamismo, è il segno che diventa soggetto, è il bello scaturito dall’immaginazione e dal Creato – Scopri le opere

RITRATTI

Nell’espressione del viso di una persona in effetti si può trovare una vita intera, la sofferenza e la gioia, quello che si è perduto e quello che si vuole ancora conquistare – Scopri le opere

SCULTURE

Sia nella scultura che nella pittura si plasma una materia. Si possono usare infinite tecniche, utensili e svariati macchinari, ma personalmente prediligo l’ausilio espressivo delle mani – Scopri le opere

Social Media